Venerdì 13 settembre 2008

L'amministrazione comunale di Palmanova si interroga sul cattivo stato di manutenzione della Ciclovia Alpe Adria nella tratta che interessa il proprio territorio. Oltre alla necessità di una costante manutenzione (in molti tratti la vegetazione ha invaso gran parte della sede ciclabile) è stato anche segnalato l'inadeguata pavimentazione di alcuni tratti di pista, che pregiudica l'utilizzo della struttura da parte di molti utenti [fonte: Messaggero Veneto].

Tratto sterrato della Drauradweg (Austria)
Particolare di un tratto sterrato lungo la ciclabile austriaca
Dettaglio della Ciclovia Alpe Adria nei pressi di Palmanova

[torna su]



Domenica 17 agosto 2008

Dopo i nubifragi di ferragosto abbiamo percorso di nuovo il tracciato della Ciclovia Alpe Adria da Pontebba al confine di stato. A distanza di un mese dalla visita precedente non sono stati fatti molti progressi. È stata integrata la segnaletica verticale e sono state eseguite alcune opere accessorie. In compenso le precipitazioni hanno danneggiato alcuni tratti della ciclovia. Poco a monte di Pontebba ci sono evidenti segni di erosione del terrapieno dove corre la pista. In altri punti ci sono notevoli accumuli di ghiaia sulla sede stradale. Infine, il ponte provvisorio sul Fella presso Malborghetto è stato reso impraticabile dalla piena.

Erosione del terrapieno a Nord di Pontebba, sotto i viadotti dell'autostrada
Il tratto danneggiato tra Laglesie-San Leopoldo e Bagni di Lusnizza
Altri dettagli del tratto danneggiato tra Laglesie-San Leopoldo e Bagni di Lusnizza
Erosione dovuta alla piena del Fella nel tratto tra Laglesie-San Leopoldo e Bagni di Lusnizza
Ghiaia depositata sulla ciclopista dallo straripamento di alcuni ruscelli
Ghiaia presso il guado sul Rio Granuda, tra Santa Caterina e Malborghetto
Passaggio difficoltoso nei pressi di Malborghetto: la ghiaia ha completamente invaso la sede stradale
Guado non praticabile sul Rio Ranco, poco distante da Malborghetto
I resti del ponte travolto dalla piena alle porte di Malborghetto
La nuova segnaletica verticale, di recente posizionata lungo il percorso
Il portale-contatore collocato nei pressi della funivia del Lussari a Camporosso
L'inizio della parte italiana della ciclovia presso il confine austriaco

[torna su]



Martedì 5 agosto 2008

Sono stati inaugurati altri 3 chilometri della ciclovia Alpe Adria (dalla stazione terminale della funivia del Lussari alle porte di Valbruna). All'apertura di questo tratto, avvenuto senza grossi sfarzi, dovrebbe seguire l'inaugurazione dell'intero tratto che porta a Pontebba entro la fine dell'estate. Il sindaco di Tarvisio, Renato Carlantoni, ha annunciato inoltre l'organizzazione di un convegno internazionale sullo sviluppo del turismo ciclabile. [fonte: Messaggero Veneto].

[torna su]



Sabato 27 luglio 2008

Il servizio viabilità della Provincia di Udine ha reso noto che a breve inizieranno i lavori per il completamento della parte più meridionale della pista ciclabile Alpe Adria. Attualmente la ciclabile parte da Palmanova per terminare nel paese di Muscoli. Le opere finanziate permetteranno il completamento del tracciato tra Muscoli e Grado, attraversando Cervignano e Aquileia. L'opera dovrebbe essere pronta per la fine di settembre del 2009 [fonte: Messaggero Veneto].

[torna su]



Sabato 27 luglio 2008

Il progetto di una pista ciclabile tra Tarvisio e Gemona è stato valutato in maniera positiva dal circolo regionale di Lega Ambiente. La Provincia di Udine, la Comunità Montana di Gemonese, Canal del Ferro e Valcanale e il comune di Tarvisio si sono aggiudicati la "bandiera verde": a testimonianza di una gestione oculata del territorio montano. La realizzazione di un collegamento tra la pianura friulana e la rete ciclabile dell'Europa centrale, recuperando lo storico tracciato della ferrovia Pontebbana, rappresenta un importante esempio di valorizzazione del turismo e della mobilità sostenibile.

[torna su]



Martedì 22 luglio 2008

Il nostro staff ha effettuato un sopralluogo sul tratto della ciclovia Alpe Adria compreso tra il valico di confine con l'Austria e Pontebba. Molti tratti sono praticamente pronti: da Pontebba a Malborghetto, dalla Val Saisera a Camporosso e da Coccau al confine Austriaco il tracciato è stato completamente asfaltato ed è già stata realizzata anche la segnaletica orizzontale. Su questi tratti abbiamo incontrato numerosi tecnici impegnati nel completamento delle opere accessorie alla struttura. I lavori invece procedono a rilento nel tratto compreso tra Malborghetto e Ugovizza: a detta di alcuni operatori, le opere di realizzazione del metanodotto e di rifacimento di un acquedotto stanno rallentando il completamento del tracciato. Appare pertanto improbabile che questo tratto di ciclabile possa essere inaugurato entro la fine dell'estate.

A Nord di Pontebba, sotto i viadotti dell'autostrada
Lungo il Fella tra Laglesie-San Leopoldo e Bagni di Lusnizza
Il nuovo tracciato tra Bagni di Lusnizza e Malborghetto
Lavori per il posizionamento della nuova condotta dell'acquedotto tra Santa Caterina e Cucco
Superamento di un guado poco prima di Malborghetto
Il vecchio tracciato della ferrovia a monte di Malborghetto
La nuova ciclabile tra Malborghetto e Ugovizza
Lavori presso la vecchia stazione di Ugovizza
Dopo Ugovizza il percorso ciclabile prosegue sulla strada della Val Saisera

[torna su]



Sabato 12 luglio 2008

I lavori per la realizzazione del tratto più suggestivo della ciclovia Alpe Adria (tra Pontebba e Moggio Udinese) sembrano procedere rapidamente. Lungo questo tratto la ciclabile dovrebbe seguire integralmente lo spettacolare tracciato della vecchia della ferrovia Pontebbana. Il sedime ferroviario è stato ripulito dalla vegetazione e sono stati messi in sicurezza i numerosi ponti e le gallerie. Sembrerebbe plausibile l'apertura di questa parte della ciclabile entro pochissimi anni, forse già nel 2009. Attualmente, percorrendo la strada statale, si possono notare delle squadre di tecnici indaffarate nel rifacimento di alcune strutture deteriorate. Probabilmente nel corso del prossimo anno, finanziamenti permettendo, verranno completate le opere di pavimentazione del tracciato e di illuminazione delle numerose gallerie.

Vista della stazione di Chiusaforte dal sedime ferroviario
Il tracciato ferroviario ripulito dalla vegetazione in attesa della pavimentazione
Il ponte in ferro presso "La Chiusa" messo in sicurezza
Un'altra immagine del viadotto presso Chiusaforte
Un suggestivo passaggio tra Dogna e Chiusaforte
Una delle tante gallerie da attraversare tra Dogna e Chiusaforte

[News 2009] [torna su]


 

Anno 2009

  10/01/2009: prima uscita dell'anno lungo la ciclabile "In Natura".
  11/01/2009: stato dei lavori tra Pontebba e Camporosso.
  24/01/2009: stato della ciclovia tra Cervignano e Grado.
  04/02/2009: entro la fine dell'anno sarà possibile raggiungere Grado da Palmanova percorrendo la ciclovia Alpe Adria.

Anno 2008

  12/07/2008: completate le opere di messa in sicurezza dei principali viadotti tra Dogna e Moggio.
  22/07/2008: stato dei lavori tra Pontebba e Camporosso.
  27/07/2008: il progetto della ciclovia Alpe Adria premiato da Lega Ambiente con la bandiera verde.
  27/07/2008: entro settembre 2009 pronto il tratto tra Strassoldo e Grado della ciclovia Alpe Adria.
  05/08/2008: nel Tarvisiano sono fruibili altri 3 km della ciclovia Alpe Adria.
  17/08/2008: i danni alla ciclovia dopo il nubifragio di ferragosto.
  13/09/2008: a Palmanova un'interrogazione sul cattivo stato di manutenzione della ciclovia.


BicItalia EuroVelo    
web master: [email protected]
ultimo aggiornamento: 13/01/2009
http://www.caar.altervista.org
       tux